Coprifuoco, la diretta webcam da Milano, Roma e Napoli

TENTAZIONI DI UN RAGAZZO GAY IN VACANZA | STORIE GAY E NON SOLO

italianissima new in vacanza pochi giorni
ragazzo di colore in cerca di coppie da
latina
bellissima mora massaggiatrice rilassanti e
rossella nuova in zona faccio un goloso ed
il tuo massaggio romantico personalizzato
mui cald
v i e n i a r i e m p i r e l a m i a p a s s
s trans
italiana per il tuo unico momento di vera
new new new empoli
nuova ragazza sexy balla brava massagitrice

Bakeca Trans Trieste

STORIE GAY E NON SOLO per conoscere la realtà del mondo gay Menu Vai al contenuto HomeCerca in tutto Progetto Gay contatta project ENGLISH ESSERE GAY Forum e Regolamento HIV – AIDS – Domande e Risposte Interviste sulla sessualità gay LE CHAT DI PROGETTO GAY RADIO PROGETTO GAY SERVIZI di Progetto Gay Test orientamento sessuale TENTAZIONI DI UN RAGAZZO GAY IN VACANZA Pubblicato su 23 agosto 2012 da gayproject Project, devo cercare di capire che cosa devo fare perché se no impazzisco, mi chiamo Marco, nome banale ma vero e non mi vergogno di usarlo qui proprio perché è comunissimo, quindi a rischio zero. Ho vent’anni, quasi 21, vivo in una città dell’Italia centrale. Ho sempre avuto due passioni totali, da quando ero piccolo, una sono i ragazzi e l’altra è il mare. Nessuno sa di me, né a casa, né gli amici, proprio nessuno. Non fingo di essere etero e i miei amici, che hanno tutti la ragazza, non si sono mai impicciati dei fatti miei. Dai tempi del liceo mi sono portato all’università tre amici, chiamiamoli Luca, Carlo e Enzo, facciamo tutti e quattro la stessa facoltà, studiamo insieme, tra noi non ci sono gelosie stupide per questioni di voti o cose del genere anche se dobbiamo fare gli stessi esami. Sono bravissimi ragazzi e di loro mi fido salvo che su un punto che però non voglio nemmeno prendere in considerazione con loro. Stiamo molto tempo insieme sia la mattina che il pomeriggio per studiare, per il resto ciascuno ha la sua vita e non se ne parla praticamente mai. Quest’anno, per la prima volta, i miei mi hanno permesso di andarmene in vacanza per i fatti miei e io mi sono messo d’accordo con i miei tre amici e abbiamo affittato un piccolissimo appartamento di una camera e cucina proprio di fonte al mare a [omissis]. Il posto è stupendo, per un innamorato del mare come me è il massimo. La casa costava poco, anzi direi pochissimo, e per questo l’abbiamo presa al volo, ma aveva dei problemi, però in fondo ci dovevamo rimanere solo 5 giorni e quindi non aveva nemmeno senso cercarne un’altra. Intanto aveva una sola stanza e noi siamo quattro, poi era esposta esattamente a sud, ci batteva il sole in pieno dall’alba al tramonto, dentro, la sera, la temperatura arrivava a 32 gradi e c’era una sola finestra che per giunta aveva una zanzariera fitta, quindi si poteva aprire molto per modo di dire. Tutto questo dovrebbe dare il senso di una tortura insopportabile me per ma non è stato affatto così. Nell’unica stanza, al centro, c’era un tavolo, perché la cucina era talmente minuscola che nemmeno ci si entrava in due in piedi. La sera spostavamo il tavolo in un angolo e aggiungevamo due brandine, perché c’erano due divani letto singoli ai due lati della stanza. Non c’era nemmeno un ventilatore, proprio niente! Il caldo era tale che il sudore ci cadeva a gocce dalla faccia. Il primo giorno siamo arrivati verso le undici del mattino, abbiamo pensato solo a prepararci per andare al mare, non avevamo nemmeno il problema di cucinare perché il pranzo ce lo eravamo portato da casa. Siamo stati in acqua, tra acqua bassa e nuotare, in pratica fino alle otto e mezza di sera e si stava divinamente, c’era pochissima gente nonostante fosse la settimana prima di ferragosto, ci sedevamo nell’acqua bassa a parlare, poi una nuotata, poi una gara tra noi, insomma si stava bene e il tempo volava, poi è arrivato il tramonto e col tramonto proprio nuvole di zanzare (vicino c’era un canneto) e siamo dovuti scappare dentro casa, ci siamo detti che per fortuna c’era la zanzariera. Quando siamo entrati abbiamo avuto l’impressione di entrare in un forno, una sensazione sgradevolissima, abbiamo aperto l’unica finestra vera e le due mezze finestre del bagno e della cucina, ma erano tutte sulla stessa parete, tutte e tre avevano la zanzariera fitta e non si muoveva un filo d’aria. Prima soluzione istintiva la doccia fredda, 5 minuti per uno. Bagno piccolo, senza chiave alla porta, doccia in un angolo senza box e senza tenda, ma la cosa non ha creato il minimo problema. Uno entrava in doccia, ci stava 5 minuti, poi gli altri gli bussavano la porta perché non vedevano l’ora di rinfrescarsi pure loro. Eravamo tutti a torso nudo ma anche dopo la doccia, dopo dieci minuti, il caldo diventava di nuovo insopportabile e allora un’altra doccia. Ci siamo mangiati quel po’ di cena che ci eravamo portati da casa che si era praticamente lessata, perché non c’era nemmeno il frigorifero! Poi Luca ha provato ad accendere il suo PC ma non c’era rete internet, quindi niente PC. Non c’era televisore, solo una radio mezza scassata, l’abbiamo sentita per un po’ ma era un aggeggio vecchio archeologico che scaldava come una stufetta e che proprio non si poteva tenere acceso perché gracchiava pure. Luca e Carlo a un certo punto hanno detto che non ce la facevano più a resistere coi pantaloncini, se li sono tolti e sono rimasti in slip, o meglio in mutande, quelle bianche classiche. Enzo ha resistito per un po’, poi li ha seguiti anche lui. Io non sapevo che fare, mi sono tenuto i bermuda che erano un’autentica tortura perché erano tutti bagnati e si appiccicavano addosso. Avevo davanti a me in pochissimi metri quadrati i miei amici in mutande che continuavano a sudarsi l’anima. Abbiamo montato le brandine. Da sinistra a destra eravamo: Enzo, io, Luca e Carlo. Mi era andata bene perché Carlo è un po’ sovrappeso e francamente non mi attira proprio. Enzo non è malaccio, un bel ragazzo, ma non è proprio il mio tipo, mentre Luca è sempre stato il mio sogno segreto. Project, io sono ancora uno di quei gay, diciamo così, stupidi, che si innamorano del loro amico etero anche se sanno benissimo che è etero. Insomma, ce ne siamo andati a letto e abbiamo spento la luce. Vicino alla finestra c’era un lampione stradale e la luce filtrava lo stesso e una volta che ti ci eri abituato riuscivi a vedere tutto abbastanza distintamente. Carlo si è accorto della luce piuttosto forte e ha detto: “Rega’, io accosto la finestra che c’è troppa luce”, ma l’ho bloccato subito e gli ho detto: “No! Dai! Qua si crepe di caldo già così!” e Carlo ha lasciato la finestra spalancata. Dopo una decina di minuti Carlo è crollato come un ciocco, Enzo si gira e si rigira ma poi comincia a russacchiare. Luca va a fare pipì, poi si ributta sulla branda, smania proprio, a un certo punto si sfila gli slip senza dire nulla, si mette a pancia in giù e piano piano crolla anche lui nel sonno. Io francamente non ho proprio dormito per niente. Avevo Luca che dormiva completamente nudo a 30 cm da me. In pratica non gli ho tolto gli occhi da dosso per tutta la notte. Ovviamente non ha dormito tutta la notte a pancia in giù e per me è stata una cosa assolutamente unica e incredibile, ha avuto pure l’erezione mattutina, io invece in pratica ero in erezione continua dalla sera prima. Verso le sette, ormai a giorno fatto, quando Carlo si è agitato un po’ per alzarsi, Luca si è infilato di nuovo gli slip davanti a me, ma con la massima naturalezza, come se fosse la cosa più ovvia del mondo, poi ha preso il telefonino e se ne è andato fuori a telefonare alla ragazza, perché dentro non prendeva. Certe volte penso che quella ragazza sia veramente fortunata! Vabbe’, lasciamo stare! Io ero sconvolto dal fatto che per Luca dormire nudo in stanza coi suoi amici fosse una cosa normalissima. Ecco perché ad un etero lo spogliatoio non fa né caldo né freddo. In pratica stare nudo con gli amici non è una cosa che ha a che vedere col sesso e non ha niente a che vedere con l’idea di stare nudo con una ragazza. Nei giorni successivi, per due volte, è uscito nudo dalla doccia e si è asciugato fuori davanti a noi e nessuno ha fatto una grinza, ovviamente nemmeno io! Eh eh! Lui è uno sportivo e si vede che in queste cose non ha proprio nessun condizionamento. In pratica siamo stati in quella casa solo per quattro notti e per quattro notti Luca ha dormito vicino a me completamente nudo senza nessunissimo imbarazzo. Che effetto sconvolgente mi ha fatto una cosa del genere non te lo immagini nemmeno, o forse sì, anzi certamente sì. Ma come fa un ragazzo etero ad essere così disinibito? È proprio una cosa che non arriverò mai a capire. Ma perché gli etero danno tutti per scontato che tutti i loro amici siano etero? Nei giorni che siamo stati lì non ho mi sentito una battuta sui gay, nemmeno minima. Eravamo amici, stavamo bene tra noi, non parlavamo nemmeno di ragazze. Chissà che valore poteva avere per loro quella parentesi di vacanza tutta al maschile! Magari pensavano ogni cinque minuti alle loro ragazze, però a me sembrava che stessero benissimo senza bisogno di pensare sempre alle loro ragazze. Vabbe’ io stavo benissimo perché stavo con Luca e “in quel modo”, ma pure loro, secondo me, stavano proprio bene. Io penso che, magari senza coinvolgimenti sessuali, perché proprio non ce n’era tracia, ma anche agli etero piaccia una breve vacanza tutta al maschile. Tutti i giorni che siamo stati lì io ho fatto il totalmente disinteressato a queste cose, di giorno, “ma la notte no!” per usare le parole di Arbore. Siccome la notte non dormivo la mattina ero del tutto rintontito e me lo dicevano ma io rispondevo che non avevo dormito per il caldo, anche se il motivo si chiamava Luca. Adesso la parentesi delle notti bianche è finita, siamo tornati in città, per loro non è successo niente, capisci Project! Non è successo niente! Per me sì! Project! Sono proprio sconvolto! Ormai non me lo levo più dalla testa! Anche se me lo sono trovato addormentato nudo vicino a me per quattro notti di seguito, so benissimo che è etero, anzi lo so addirittura molto meglio di prima! Cavolo che disperazione! Quello che è successo mi ha proprio scombussolato! Prima pensavo spesso a Luca, hai capito quando, ma adesso è diventato la mia fissa totale! Project, che devo fare? Non ci riesco a non pensare a Luca! Oramai ce l’ho nel sangue! Se vuoi pubblica questa mail, tanto i miei amici non andranno mai su un sito gay! Marco __________ Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay: http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=23&t=2710 Share this:Twitter Facebook Mi piace:Mi piace Caricamento... Correlati Questa voce è stata pubblicata in GAY E AMICIZIA, RIFLESSIONI GAY, SESSUALITA' GAY, VITA GAY e contrassegnata con rapporti gay-etero, SESSUALITA' GAY. Contrassegna il permalink. Navigazione articolo ← ESPERIENZE ETERO DI UN RAGAZZO GAY GAY E MATRIMONIO DI COPERTURA → 2 pensieri su “TENTAZIONI DI UN RAGAZZO GAY IN VACANZA ” jeanluc ha detto: 23 gennaio 2013 alle 1:31 am per luca non so che dirti ma la storiella mi ha intrigato parechio. che tipo è sto luca che ti piace tanto? Rispondi sciamanocampano69@gmail.com ha detto: 25 settembre 2015 alle 10:39 am bella storia… Rispondi Rispondi Cancella rispostaScrivi qui il tuo commento... Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: E-mail (obbligatorio) (L'indirizzo non verrà pubblicato) Nome (obbligatorio) Sito web Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. ( Chiudi sessione /  Modifica ) Stai commentando usando il tuo account Google. ( Chiudi sessione /  Modifica ) Stai commentando usando il tuo account Twitter. ( Chiudi sessione /  Modifica ) Stai commentando usando il tuo account Facebook. ( Chiudi sessione /  Modifica ) Annulla Connessione a %s... Notificami nuovi commenti via e-mail Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail Cerca in questo sito Cerca Link di Progetto GayRADIO PROGETTO GAY MANUALE DI OMOSESSUALITA’ CERCA IN TUTTO PROGETTO GAY SERVIZI DI PROGETTO GAY STATISTICHE SESSUALITA’ GAY Articoli recenti RAGAZZI GAY CHE CERCANO SOLO SESSO STORIA DI UN GAY E DI UNA TRANS GAY E MORALE SESSUALE RICORDI DI UNA COPPIA GAY FUORI DAL DSM: DEPATOLOGIZZARE L’OMOSESSUALITA’ IPOTESI SCIENTIFICA SULL’ORIGINE DEI GAY LA C.E.I. E LA LEGGE ANTI OMOFOBIA AMORI GAY INDUSTRIALI CONDIZIONAMENTI SESSUALI GAY E DIALOGO DI COPPIA RELAZIONI GAY ESAURITE E LIBERE UNIONI COPPIE GAY E FANTASIE SESSUALI UNA COPPIA GAY DIVISA DALLA ZONA ROSSA III UNA COPPIA GAY DIVISA DALLA ZONA ROSSA II UNA COPPIA GAY DIVISA DALLA ZONA ROSSA STORIA DI UNA COPPIA GAY RAGAZZI GAY E ANSIA DELL’ATTESA ABUSO SESSUALE E CONTENUTI OSSESSIVI SOLITUDINE DI UN ACCADEMICO GAY COPPIA GAY E GATTI COPPIA GAY SENZA VINCOLI UN MODO SOFT DI ESSERE GAY DIVERSI APPROCCI ALLA SESSUALITA’ GAY RIATTIVATO IL FORUM DI PROGETTO GAY PROGETTO GAY IN RISTRUTTURAZIONE GAY E SINODO DEI GIOVANI RAGAZZI GAY E VIOLENZA IN GUANTI BIANCHI UNA COPPIA GAY IN UN TERRIBILE CALVARIO RAPPORTI GAY INTERGENERAZIONALI SENZA SCHEMI GAY TRA APP E CAM UN RAGAZZO GAY VA DALL’ANDROLOGO Pagine Cerca in tutto Progetto Gay contatta project ENGLISH ESSERE GAY Forum e Regolamento HIV – AIDS – Domande e Risposte Interviste sulla sessualità gay LE CHAT DI PROGETTO GAY RADIO PROGETTO GAY SERVIZI di Progetto Gay Test orientamento sessuale Archivi ottobre 2020 settembre 2020 agosto 2020 giugno 2020 aprile 2020 marzo 2020 luglio 2019 maggio 2019 aprile 2019 febbraio 2019 dicembre 2018 novembre 2018 ottobre 2018 settembre 2018 agosto 2018 luglio 2018 giugno 2018 maggio 2018 aprile 2018 marzo 2018 febbraio 2018 gennaio 2018 dicembre 2017 novembre 2017 ottobre 2017 settembre 2017 agosto 2017 luglio 2017 giugno 2017 maggio 2017 aprile 2017 marzo 2017 febbraio 2017 gennaio 2017 dicembre 2016 novembre 2016 ottobre 2016 settembre 2016 agosto 2016 giugno 2016 maggio 2016 aprile 2016 marzo 2016 febbraio 2016 gennaio 2016 dicembre 2015 novembre 2015 ottobre 2015 settembre 2015 agosto 2015 luglio 2015 maggio 2015 aprile 2015 marzo 2015 febbraio 2015 gennaio 2015 dicembre 2014 novembre 2014 ottobre 2014 settembre 2014 agosto 2014 luglio 2014 giugno 2014 maggio 2014 aprile 2014 marzo 2014 febbraio 2014 novembre 2013 settembre 2013 agosto 2013 luglio 2013 aprile 2013 marzo 2013 febbraio 2013 gennaio 2013 dicembre 2012 novembre 2012 ottobre 2012 settembre 2012 agosto 2012 luglio 2012 giugno 2012 maggio 2012 aprile 2012 marzo 2012 febbraio 2012 gennaio 2012 dicembre 2011 novembre 2011 ottobre 2011 settembre 2011 agosto 2011 giugno 2011 maggio 2011 aprile 2011 marzo 2011 febbraio 2011 gennaio 2011 dicembre 2010 novembre 2010 ottobre 2010 settembre 2010 agosto 2010 luglio 2010 giugno 2010 maggio 2010 aprile 2010 marzo 2010 febbraio 2010 gennaio 2010 dicembre 2009 novembre 2009 settembre 2009 agosto 2009 luglio 2009 giugno 2009 maggio 2009 aprile 2009 marzo 2009 febbraio 2009 gennaio 2009 dicembre 2008 novembre 2008 ottobre 2008 settembre 2008 agosto 2008 luglio 2008 giugno 2008 maggio 2008 aprile 2008 marzo 2008 febbraio 2008 gennaio 2008 dicembre 2007 novembre 2007 ottobre 2007 settembre 2007 agosto 2007 Categorie affettività e scuola affettività gay affettività lesbica amicizia amorosa amore gay André Rffalovich bisessuali sposati bisessualità BLOG GAY Byron gay BYRON OMOSESSUALE coming out COPPIE GAY COPPIE GAY CULTURA GAY diritti civili gay disagio gay E. Carpenter educazione sessuale dei gay etero curiosi etero e sesso gay FORUM GAY gay gay anziani GAY E AMICIZIA gay e ansia gay e antropologia gay e chiesa gay e donne gay e fede gay e matrimonio etero gay e medicina gay e morale gay e prevenzione gay e ragazze GAY E RELIGIONE gay e sociologia GAY E SPORT GAY E STORIA Gay Project English gay project international GAYPROJECT gender GENDER E GENETICA Grillparzer omosessuale Havelock-Ellis Jeremy Bantham JOHN ADDINGTON SYMONDS John Gray K. P. Moritz omosessuale Krafft-Ebing Michelangelo omosessuale Montaigne omofobia Omosessualità di Goethe omosessualità e psichiatria omosessualità e scuola omosessualità femminile Oscar Wilde Oscar Wilde omosessuale Pederastia greca POESIA GAY processo a Oscar Wilde PROGETTO GAY PROGETTOGAY Raffalovich ragazzi gay e genitori rapporti gay etero rapporti gay interfenerazionali rapporti gay intergenerazionali RIFLESSIONI GAY ROMANZO GAY SESSUALITA' GAY sessualità bisex sessualità e scuola sessualità gay sessualità lesbica storia gay STORIE GAY Uncategorized VITA GAY von Platen Walt Whitman Meta Registrati Accedi Flusso di pubblicazione Feed dei commenti WordPress.com Blog su WordPress.com. Privacy e cookie: Questo sito utilizza cookie. Continuando a utilizzare questo sito web, si accetta l’utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni, anche sul controllo dei cookie, leggi qui: Informativa sui cookie %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Kate Middleton sotto pressione: Sophie del Wessex è l’unica che può aiutarla a Palazzo | DiLei

Vivere Lavoro & Ufficio Sport & Tempo Libero Country Speciale bambini Salute & Benessere Costume & Società Mente & Emozioni Arte e Cultura Curarsi con le piante Muoversi Auto Bici Trasporti Mangiare Altri alimenti Cucina Alimentazione & Salute Vegetariano & Vegano Filiera Corta Di stagione Ristoranti Allerte alimentari Ricette Superfood Consumare Mode e Abbigliamento Riciclo e Riuso Regali Cosmesi Eco-spesa Detergenza Acqua Sai cosa compri? Coop Abitare Casa e Energia Cani, Gatti & co. Risparmio energetico Orto & Giardino Eco fai-da-te Bioedilizia e Bioarchitettura Arredamento Accessori e Decorazioni Arredo Urbano Informarsi Eventi & Iniziative Animali Natura & Biodiversità Città Green Economy Rifiuti & Riciclaggio Agricoltura Ambiente Energie rinnovabili Universo Meteo Viaggiare Italia Europa Africa Centro America Nord America Sud America Asia Oceania Tecno App e Smartphone Tech&Pc Business Gadget Social & Web Corsi Video Contatti Chi siamo La redazione Marketing e Pubblicità GreenMe Ambassador Contattaci Vivere Lavoro & Ufficio Sport & Tempo Libero Country Speciale bambini Salute & Benessere Costume & Società Mente & Emozioni Arte e Cultura Curarsi con le piante Muoversi Auto Bici Trasporti Mangiare Altri alimenti Cucina Alimentazione & Salute Vegetariano & Vegano Filiera Corta Di stagione Ristoranti Allerte alimentari Ricette Superfood Consumare Mode e Abbigliamento Riciclo e Riuso Regali Cosmesi Eco-spesa Detergenza Acqua Sai cosa compri? Coop Abitare Casa e Energia Cani, Gatti & co. Risparmio energetico Orto & Giardino Eco fai-da-te Bioedilizia e Bioarchitettura Arredamento Accessori e Decorazioni Arredo Urbano Informarsi Eventi & Iniziative Animali Natura & Biodiversità Città Green Economy Rifiuti & Riciclaggio Agricoltura Ambiente Energie rinnovabili Universo Meteo Viaggiare Italia Europa Africa Centro America Nord America Sud America Asia Oceania Tecno App e Smartphone Tech&Pc Business Gadget Social & Web Corsi Video Contatti Chi siamo La redazione Marketing e Pubblicità GreenMe Ambassador Contattaci @Douglas Hardy @BBC Informarsi Animali C’è una specie di uccelli che costruisce il suo nido dentro ai ghiacciai, è l’unica al mondo a farlo Dominella Trunfio 20 Ottobre 2020 Sulle Ande, tra i ghiacciai dove sembra che niente riesca a sopravvivere, c’è un piccolo e paffuto uccellino dalle piume blu-grigio, il diuca, che depone le uova. È l’unico volatile, assieme ai pinguini imperatori, noto per nidificare sul ghiaccio, l’ambiente più inadatto per allevare i piccoli. La specie nota come diuca dalle ali bianche (Diuca speculifera) o uccello del ghiacciaio abita le montagne più alte di Argentina, Bolivia, Cile e Perù. Il diuca appartiene alla grande famiglia Emberizidae, i cui membri sono noti per riprodursi nella tundra artica. La BBC racconta la vita di questo straordinario volatile all’interno di un documentario dal titolo ‘Andes’ e nella presentazione spiega che raggiungere l’uccello del ghiacciaio, è stata veramente un’impresa. Il perché è molto semplice. Come dicevamo, il diuca nidifica in zone ghiacciate e impervie. I suoi nidi sono stati scoperti per la prima volta nel 2008 e da allora, sono stati visti solo una manciata di volte dagli scienziati che lavorano sul ghiacciaio Quelccaya, in Perù, che si trova a 5700 metri di altezza.  Sul ghiacciaio, la quantità di ossigeno è ridotta. @Douglas Hardy “Il nido era a metà di una scogliera di ghiaccio. Potevamo vedere gli adulti che volavano dentro e fuori dal nido, ma non riuscivamo a vedere i piccoli”, si legge sulla BBC. Ci sono voluti molti mesi di lavoro per realizzare le sequenze, senza disturbare la famiglia di uccelli, il cui comportamento insolito era stato scoperto per la prima volta nel 2003 dal geologo Douglas Hardy dell’Università del Massachusetts Amherst, durante un viaggio nelle Ande peruviane. “Abbiamo trovato prove di uccelli che nidificano direttamente sul ghiaccio del ghiacciaio della calotta glaciale Quelccaya nella Cordillera Vilcanota, Perù ad altitudini fino a 5.300 m”, si legge ad esempio in uno studio del 2009. Hardy aveva trovato dei nidi ad altezze surreali. Col tempo e dopo numerosi studi, il geologo ha pubblicato un articolo sulle sue scoperte sul Wilson Journal of Ornithology. Oggi, invece, grazie a questo documentario è possibile vedere il diuca che nidifica su una scogliera di ghiaccio. Fonte: BBC Leggi anche: Belluno città delle rondini: installati i tappetini anti-guano. Uccelli sempre più numerosi in città Gli uccelli rischiano di morire di fame per colpa dei cambiamenti climatici Moria di massa di uccelli a Philadelphia, 1500 usignoli e pettirossi sono piovuti dal cielo in un solo giorno     Dominella Trunfio Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali. NaturaleBio Superfood: come aumentare le difese immunitarie con un’alimentazione naturale Cristalfarma Uncaria, la corteccia che aumenta le difese immunitarie. Come sceglierla e utilizzarla La pausa sostenibile I 6 motivi che rendono sostenibile la tua pausa al distributore automatico Ricerca per: Chi siamo La redazione Marketing e Pubblicità GreenMe Ambassador Contatti Termini e condizioni Privacy Policy Cookie Policy GreenMe Brasil wellMe TuVali DonnaPOP CapelliStyle greenMe è Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 Copyright © 2020 greenMe. Tutti i diritti riservati. Partita IVA: 11449491007Cambia la tua privacy

new trans simona app arrivata in citta per primissima volta sonia dolcissima bella signora italiana fantasiosa vogliosa
C'è una specie di uccelli che costruisce il suo nido dentro ai ghiacciai, è l'unica al mondo a farlo - greenMe, bellissima mora massaggiatrice rilassanti e

Il forum di MeteoLive

MENU LIBERO VIRGILIO PAGINEGIALLE PGCASA PAGINEBIANCHE TUTTOCITTÀ DILEI SIVIAGGIA QUIFINANZA BUONISSIMO SUPEREVA People Lifestyle Benessere Salute Mamma Bellezza Notizie Oroscopo Meghan Markle Kate Middleton Moda Contatti Take Care ALTRO Temi Caldi: Il profumo per ogni segno zodiacale Le interviste da leggere Letizia di Spagna, le scarpe iconiche HomeLifestyleKate Middleton sotto pressione: Sophie del Wessex è l’unica che può aiutarla a Palazzo Kate Middleton sotto pressione: Sophie del Wessex è l’unica che può aiutarla a Palazzo Kate Middleton in affanno per i troppi impegni: la Contessa Sophie del Wessex è l'unica che la sta sostenendo con successo a Corte editato in: 2020-10-06T16:05:44+02:00 da DiLei 6 Ottobre 2020 Condividi su Facebook + Twitter Whatsapp Pinterest Chi è la Contessa del Wessex che ruba la scena a Kate Middleton Kate Middleton ha una nuova amica a Corte, la Contessa Sophie del Wessex. Pare che le due donne ultimamente siano molto unite e solidali, al punto che la Duchessa di Cambridge ha cercato più volte conforto nella zia acquisita, soprattutto negli ultimi impegnativi mesi. Sophie del Wessex, classe 1965, è la moglie di Edoardo, ultimo figlio della Regina Elisabetta e del Principe Filippo. La Contessa gode dell’enorme stima e fiducia della Sovrana che spesso la vuole accanto a sé. Persona discreta e morigerata, ha da sempre adempiuto ai suoi doveri di Corte con dovizia, senza mai eccedere o commettere passi falsi. Sophie più volte si è distinta durante gli avvenimenti mondani della Casa Reale per il suo stile raffinato e tradizionale. La Sovrana la impose perfino a Meghan Markle nella cura di Archie, tanto si fida di lei. Con Kate condivide diverse cose, a cominciare dal forte attaccamento per la Famiglia Reale e dall’integerrimo senso del dovere, ma anche aspetti meno formali, come la passione per lo sport. La Contessa del Wessex è stata l’unica dell’entourage di Elisabetta a partecipare quest’anno alla maratona di Londra. Per tutti questi motivi, Lady Middleton ha trovato in lei conforto e sostegno. “Kate è veramente grata a Sophie per essersi fatta avanti, è un paio di mani sicure cui affidare gli impegni pubblici”. Così ha rivelato una fonte vicina alla Duchessa di Cambridge al magazine New Idea. E non è tutto. “Kate si sentiva un po’ in affanno dall’essere rimasta l’unico volto giovane della Monarchia. Grazie a Sophie, che è entrata subito in azione, ha trovato un valido aiuto”. Nei mesi scorsi, Kensington Palace ha emesso una nota contro alcune rivelazioni pubblicate da Tatler secondo cui Kate Middleton sarebbe stata in difficoltà a causa dell’aumentata mole di lavoro da quando Harry e Meghan Markle hanno lasciato la Monarchia. Sebbene queste indiscrezioni siano state smentite, è indubbio che Kate si è trovata molto più impegnata e in prima linea nel portare rappresentare la Corona. Sophie del Wessex si è mostrata solidale verso la moglie di William e ha rafforzato la sua presenza pubblica per aiutarla. Le due donne vanno molto d’accordo e a riprova del loro stretto legame, la Contessa ha preso parte al progetto fotografico, Hold Still, organizzato da Kate. A dir la verità, è stata l’unica della Famiglia Reale a presentare una sua foto che per evitare conflitti di interesse non ha vinto. Lady Middleton per altro ha preso un nuovo incarico, è stata nominata dalla Regina capo degli scout e sta lavorando con Sir Richard Attenborough alla promozione del documentario sul pianeta, cui ha preso parte insieme a William e ai suoi tre figli, George, Charlotte e Louis che per l’occasione hanno parlato per la prima volta in pubblico. Leggi anche Kate Middleton, come cambierà la sua vita a Corte Kate, abito colorato per la chiamata con la Famiglia Reale. Ed è stupenda La Contessa del Wessex, perché è l’arma segreta della Famiglia Reale Kate Middleton, il lavoro segreto e la foto mai vista che spiazzano Meghan Markle Kate Middleton in crisi con William, la Regina rompe il silenzio Tag: Kate Middleton Star&Vip Reali AIRC Prevenire e curare i tumori pediatrici Grazie alla ricerca scientifica è possibile LEGGI Le gallery più viste Letizia di Spagna, la gonna pied de poule ispirata a Lady Diana Aiko, Principessa Toshi: da vittima di bullismo a probabile imperatrice del Giappone Remembrance Day 2020: i look dell'evento da Kate alla Regina I video più visti Kate Middleton torna in video e conquista tutti con il look low cost Letizia di Spagna, il segreto dei tre gioielli preziosissimi che non indossa più Kate Middleton e la Regina Elisabetta: sfida sulle decorazioni natalizie Virgilio è: NOTIZIE SPORT MOTORI MOTORI VIDEO SAPERE OROSCOPO IN CITTÀ IN ITALIA AZIENDE EVENTI LIBERO VIRGILIO PAGINEGIALLE PGCASA PAGINEBIANCHE TUTTOCITTÀ DILEI SIVIAGGIA QUIFINANZA BUONISSIMO SUPEREVA Chi siamo Note Legali Privacy Cookie Policy Aiuto © Italiaonline S.p.A. 2020 Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l. P. IVA 03970540963 Vip "Gerry Scotti ricoverato in terapia intensiva": l'ufficio stampa smentisce Vip Chi è Giulia Berdini, la fidanzata di Franco Di Mare Vip Carlo Conti sta meglio e torna a casa: su Instagram messaggio e sorpresa della moglie Vip Sydne Rome si racconta a Oggi è un altro giorno: l'incidente, le figlie, gli amori Lifestyle Kate Middleton torna in video e conquista tutti con il look low cost Lifestyle Kate Middleton, il messaggio segreto degli orecchini di perla Vip Emanuela Folliero ricorda Stefano D'Orazio: "Il giorno prima della morte ho trovato il suo regalo" Salute Saturimetro: a cosa serve e quali sono i valori di riferimento Lifestyle Melania Trump non chiama Jill Biden e mette a tacere le voci di divorzio Vip All Together Now, la Tatangelo è un uragano dietro le quinte: le parole di Michelle e Renga Vip Barbara D'Urso: l'ultimo toccante saluto all'amico di sempre Stefano D'Orazio Vip GF Vip, Bettarini non ci sta con la squalifica: “Pedina dello share” Vip Caterina Balivo, Sydne Rome svela il dramma dell'incidente a Vieni da Me Vip Ballando con le Stelle, Vittoria Schisano festeggia un compleanno speciale grazie a Milly Carlucci Vip Cambia il palinsesto di Rai 1: slitta lo Zecchino d'Oro di Carlo Conti e Mara Venier Vip GF Vip, incidente per Massimiliano Morra: interviene il medico Vip Che fine ha fatto Dalila di Lazzaro Vip Aurora Ramazzotti positiva, su Instagram racconta come sta Lifestyle Marlena dei Maneskin potrebbe essere lei: gli indizi Benessere Dieta anti-infiammatoria: i cibi da evitare per proteggere il cuore Kate Middleton sotto pressione: Sophie del Wessex è l’unica che... Condividi su Facebook + Twitter Whatsapp Pinterest

baby trans enne troia da letto in citta fino a Escort Porto Mantovano massaggi uomo per uomo ada e andreea appena arrivata a pavia sono una bellissima ragazza italiana di anni a firenze new isabella meravigliosa ragazza foto reale a coppia massagiatora marito e muglie gessica foto vere nova in cita le mie foto sono reale come mi vedi cosi mi se cerchi emozioni forti bruna kanavashi carla bella milf massaggi rilassanti